Quello che Renzi non ammetterà mai…

“Il Jobs Act è stata una solenne minchiata! È stato un errore imperdonabile illudere intere generazioni vessate dal precariato, quando invece abbiamo ulteriormente diminuito i loro diritti e la loro speranza di usufruirne. Era sbagliata l’idea e i pessimi risultati sono sotto gli occhi di tutti”.

“Ho sbagliato a impostare la politica fiscale del mio governo sulle mance di democristiana memoria! Gli 80 euro, dati in quel modo, non hanno senso, e infatti non hanno inciso nemmeno sui consumi. È una stronzata galattica darli solo a chi guadagna una certa cifra, e non a chi guadagna meno, ed è stato ulteriormente assurdo escludere i pensionati al di sotto dei 1000 euro. Non contento di ciò, poco prima del referendum ho distribuito 500 euro agli studenti, senza fare differenze tra chi ne aveva davvero bisogno e i figli di papà viziati e ignoranti”.

“Piuttosto che dare bonus di 500 euro agli insegnanti italiani, che percepiscono gli stipendi più bassi d’Europa, avrei dovuto rinnovare molto tempo prima il loro contratto, fermo da 7 lunghi anni, con aumenti cospicui e soprattutto dando anche gli arretrati”.

“Le popolazioni devono pronunciarsi sulla costruzione di infrastrutture che incidono pesantemente sul loro territorio. Ed è stata un’altra cazzata favorire addirittura l’astensionismo nel referendum sulle trivelle, un momento particolarmente basso e triste nella storia della nostra martoriata democrazia”.

“Cercare di riformare la Costituzione, a colpi di maggioranza, su indicazione dei poteri finanziari, è stata la minchiata più grossa che potessi fare!  Falsarne i contenuti e politicizzarli, anche peggio”.

“Mi sono circondato di leccaculi, di yes men, di personaggetti servili, ho coltivato il pensiero unico e punito quello libero”.

“Ho creduto molto nella forza della comunicazione, ma mi sono fatto prendere la mano. È stato sbagliato imitare in peggio il Berlusca degli anni ’90, usare i media vecchi e nuovi come una clava, per gettare discredito sugli avversari interni ed esterni, per diffondere falsità con la complicità di giornali e giornalisti amici. Non posso lanciare l’allarme per il populismo montante se poi ne ho coltivato gli stessi metodi più deleteri”.

renzi-675-3

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...